vista dal monte cimone

Camminata verso il monte Cimone

Piacevole camminata con un ricco panorama che ci ha condotto presso il Monte Cimone (1.226 metri s.l.m.), noto per i tristi eventi accaduti durante la grande guerra. Partendo da Arsiero (VI) abbiamo affrontato 883 metri di dislivello.

Parcheggio

Prendiamo l’autostrada “Valdastico” a Vicenza e usciamo a Piovene Rocchette. Da li ci dirigiamo verso Nord fino ad arrivare ad Arsiero (343 metri s.l.m.). Parcheggiamo nel piazzale davanti al municipio (Piazza Rossi Francesco), ove tra l’altro c’é una fontana ornamentale. Google maps

Percorso

Partendo dal municipio iniziamo il nostro percorso in salita passando per la strada asfaltata di via Perozzo, passando quindi anche la caserma dei carabinieri ed un campo da calcetto. Imbocchiamo il sentiero CAI 541 , attraversiamo la provinciale Arsiero-Posina e a livello della chiesetta di San Rocco (461 metri s.l.m.) inizia l’itinerario vero e proprio.

Quindi continuiamo il nostro tragitto, a volte sotto il bosco a volte all’aperto sotto i raggi del sole, spesso con la possibilità di ammirare i meravigliosi panorami che il luogo ci regala fino alla cima della montagna. Non manca la possibilità di vedere delle antiche trincee mantenute in ottimo stato e di passare le antiche gallerie risalenti alla prima guerra mondiale.

A quota 500 metri attraversiamo la così detta “Cresta della Rocca” fino ad arrivare al termine del sentiero 541, congiungendoci così al sentiero 542 che ci porterà presso il monte Cimone, dopo aver passato un vecchio avamposto austro-ungarico e la postazione per una mitragliatrice.

Giunti al monte Cimone, ciò che non si può non notare è il sacrario costruito nel punto più alto, con lo scopo di ricordare la tragedia capitata nel 1916, quando venne fatta esplodere una mina contenente 14 tonnellate di esplosivo. La bomba, dando origine ad un cratere di 50 metri di diametro e 22 metri di profondità, uccise più di mille soldati italiani. Le pietre necessarie per la realizzazione sono state tratte dalle cave dell’altopiano di Asiago.

Dal punto di vista naturale è possibile ammirare un ricco panorama a 360 gradi.

Al ritorno seguiamo interamente il sentiero CAI numero 542, effettuando però alcune soste al fine di visitare alcune gallerie, tra le quali in particolare quelle di cima Neutra.

Arriviamo quindi nello stesso punto da cui siamo partiti.

Seguendo i sentieri 541 e 542, il tempo previsto di percorrenza in andata è di ore e 20 minuti.

Seguendo il sentiero 542 per il ritorno, il tempo previsto di percorrenza  è di 2 ore.

Galleria

Traccia GPS

(La traccia GPS tiene conto della sola andata; a circa metá del tracciato c’è un errore evidente)

 

Escursione del 14 aprile 2018

 

Commenta